innovazioetradizione

innovazioetradizioneInnovazione e tradizione rappresentano due facce della stessa medaglia? Come si conciliano sul territorio? Qual A? il riflesso sull’identità della comunità del Verbano Cusio Ossola? Questi sono solo alcuni dei temi che abbiamo toccato nel World CafA? “Tra innovazione e tradizione” promosso da NovaCoop e svoltosi all’Ipercoop di Gravellona ieri sabato 16 aprile all’interno del percorso di CoopAcademy.

L’abbiamo fatto rifuggendo da ogni tentazione accademica, stile lezione frontale per intenderci, ma facendo emergere idee, concetti, keywords dalla discussione tra i partecipanti secondo lo spirito proprio del World Cafà (che A? appunto una metodologia pensata per favorire una partecipazione e una discussione libera, ispirata al ruolo svolto dai cafà settecenteschi nell’agevolare un discorso pubblico).

Il risultato del processo, articolatosi in due momenti di analisi su ciA? che vuol dire innovazione e su ciA? che vuol dire tradizione sul territorio di riferimento e un successivo step di “sintesi”, ci racconta di un territorio multiforme, eterogeneo ma capace di trovare un minino comun denominatore in alcune parole chiave che ne rispecchiano l’identità: accoglienza, dialetti e idiomi, acqua. Non solo. Un territorio che piA? di altri fa della tradizione cosà indagata la pre-condizione per pratiche d’innovazione, spesso andando a “inventare” tradizioni attraverso un’ibridazione di pratiche e saperi già diffusi (un esempio in tal senso A? la rinomataàsagra della patata)

Un lavoro condiviso, intrinsecamente collaborativo, quello del World CafA? che costituisce un punto di partenza per un percorso che vedrà come protagoniste le realtà associative che lavoreranno adesso per costruire un orizzonte di valori, obiettivi e standard comuni. Un percorso che NovaCoop, in coerenza con i valori di solidarietà, impegno civile e attenzione al mondo giovanile suoi propri, andrà a facilitare ma lasciando sempre il palcoscenico ai giovani e alle organizzazioni che li rappresentano. E infatti da una piena assunzione di responsabilità che passa la crescita di un territorio e la costruzione di una comunità sempre piA? coesa e solidale.

Condividi su Whatsapp
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *